Ti salverò io con il mio amore, papà!

Una delle più subdole e tremende trappole in cui donne e uomini cadono, la trappola alla base del fallimento delle relazioni di questo tempo.

Il ruolo del femminile è mettere in contatto con l’Anima il maschile. Il ruolo del maschile è proteggere la parte femminile, che non deve occuparsi troppo della materia, e i più deboli. Non vuole essere uno stereotipo, e se lo si capisce bene non lo è affatto.

Non vuol dire che una donna non debba realizzarsi dal punto di vista professionale e un uomo non debba essere fragile, anzi! Prima l’equilibrio deve essere ritrovato dentro, poi fuori.

Ma questi ruolo sono impressi energeticamente in noi, perciò cercheremo di esibirli fin da piccoli: la bambina donando amore al papà, il bambino proteggendo la mamma. Da qui ne deriva che la bambina si aspetta di ESSERE PROTETTA dal papà e il bambino di ESSERE AMATO incondizionatamente dalla mamma.

E qui sorge la tragedia: genitori con le loro ferite hanno spesso offerto l’esatto contrario ai figli che oggi si trovano adulti ad esibire questo tipo di rapporti.

DONNA: ama l’uomo in modo infantile, dandogli attenzioni (magari non richieste) anche quando lui non ha ancora deciso di ricoprire un ruolo. Cercando di salvarlo dal suo inferno personale, deresponsabilizzandolo e rendendolo sempre più egoico (da qui l’exploit della personalità narcisistica) cercando di spingerlo a guarirsi convincendolo con il MENTALE, ovvero PARLANDOGLI: un errore enorme!

Un vero femminile attrae a sé, senza chiedere, senza spiegazioni e pone delle condizioni: se mi vuoi mi devi dare questo o se non mi dai questo, avanti il prossimo prego! E se il prossimo non c’è perché ormai siamo una società allo sbando e il prossimo c’è solo per una notte di sesso da chat, l’unica scelta per chi ancora crede nelle relazioni è aspettare. Aspettare senza aspettative. Ma non aspettare LUI, il ritorno. Aspettare che la nostra energia DRAGO YIN si sia sufficientemente ALZATA per attrarre a noi ciò che desideriamo: magari arriverà proprio la persona del passato, ma se il nostro compito deve essere quella di metterlo in contatto con la sua Anima, non dovremo entrare in frustrazione se non ci da quello che vogliamo. Dobbiamo agire su di noi, scegliere consapevolmente e NON SALVARE nessuno.

Dobbiamo imparare ad amare noi stesse al punto tale che il nostro amore arriverà anche agli altri, diventando attraenti senza chiedere nulla, lasciando che le cose accadano, SENZA CERCARE DI CONTROLLARE. Il controllo è governato dalla paura e dalle ferite. Può essere che io voglia a tutti i costi una persona perché questa mi ha così ferita che l’unico modo per risanare quella ferita è che LUI SI PENTA. E potremmo cadere nel meccanismo perverso di agganciarci ad una persona per fare di tutto in modo da ricevere quelle scuse che il cuore aspetta da quando è stata generata la ferita. Sì, le scuse liberano in effetti, ma se non arrivano dobbiamo fare forza dentro di noi e permetterci di andare oltre.

Se ci accade è perché abbiamo ancora l’energia bassa. E’ qui che dobbiamo lavorare, sull’energia del Drago: quella che si è svegliata quest’anno e che possiamo allenare ed è il lavoro che stiamo portando avanti con Astroscienza.

UOMO: ama la donna in modo infantile, aspettandosi che lei lo amerà a prescindere da come lui si comporta, perché è legato all’idea della madre che ama il figlio a prescindere. Avendo spesso avuto anche padri o assenti o autoritari, l’uomo moderno è senza modelli di riferimento. Tende ad essere o dipendente dalla donna che sceglie o sfuggente: in entrambi i casi manca nel ruolo principale che è la protezione. Che però non è la protezione data dai soldi o dall’iper-controllo (che a volte sfocia in gelosia), bensì dalla capacità di pre-vedere cosa può accadere e di predisporre in modo tale da assicurare al suo clan il giusto grado di sicurezza, mantenendo i componenti nella libertà di azione. Sì, la chiara-visione è un aspetto del maschile, che mescolata all’intuito (parte femminile)  diventa veggenza, ma è un aspetto prettamente maschile. Pensate alla fermezza d’Animo che deve avere un uomo per saper interpretare un maschile così. Era quello che gli uomini imparavano nelle discipline come le arti marziali in oriente: uno stato di presenza, capacità di controllo dell’istinto e coraggio che è difficilissimo da vedere oggi. Anche in questo caso parliamo dell’energia Drago, questa volta in aspetto Yang.

La verità è che la donna oggi ha perso il suo sacro aspetto femminile e l’uomo il suo sacro aspetto maschile.

Io credo che la profonda crisi delle relazioni d’amore che stiamo vivendo in questi anni, sia necessaria ad obbligarci a ritornare ad avere la voglia di ritrovare il nostro Sacro femminile e il nostro Sacro maschile.

Onore alle donne che stanno seguendo il percorso con Paola, che verrà riproposto a tempo debito.

Per tutti coloro che vogliono intraprendere un lavoro veramente trasformativo dell’energia Drago, vi invito a seguirci nel percorso Astroscienza, in particolar modo con la membership Pro che trovate al link qui di seguito: https://www.symbolcacademy.com/astroscienza-la-tua-bussola-astrologica/

E vi invito alla serata obiettivi 2022 il 17 gennaio alle 21.00 alla quale potete iscrivervi a questo link:

https://www.symbolcacademy.com/evento/serata-astroscienza-obiettivi-del-nuovo-anno-17-gennaio-2022/

Vi aspetto, e vi rinnovo un buon 2022

Alessandra Barberi