C’era una volta il suono della Terra e i codici delle Stelle.

La storia dell’Umanità è un antico mistero che nessuno, men che meno la scienza, ha ancora chiarito ma le memorie ancestrali sanno, ricordano, richiamano.

C’è una storia fatta di popoli provenienti dalla Terra e altri provenienti dalle Stelle.

Da che mondo è mondo, da che i Mondi sono Mondi, quando culture diverse si incontrano e si scontrano, qualcuno si innamora e nascono gli ibridi, figli di due culture che in loro hanno i geni, ma soprattutto le memorie dei rispettivi alberi genealogici.

E se culture stellari avessero incontrato le culture terrestri? E se per la legge del più forte la cultura più avanzata avesse surclassato quella più lenta? E se la cultura della Terra si fosse piegata perché meno intelligente ma più sapiente tranne alcuni elementi che si rifugiarono nelle foreste?

E se si fosse perso l’antico senso e la direzione che anche le culture stellari avevano ma che sono state risucchiate dal potere? E se qualche ibrido particolare cominciasse a ricordare? E se questi ibridi fossero in molti e cominciassero a chiedere di rallentare e di riconsiderare come si sta gestendo il Pianeta sulla quale tutti conviviamo?

Potrebbe sembrare la trama del mio prossimo romanzo, e magari lo sarà, ma è sicuro che in noi convivono due energie: quella passionale terrestre e quella simbolico stellare che tendono ognuna a voler sopraffare l’altra, prendendo il comando e generando odio, conflitto e violenza. Per fortuna c’è il terzo incomodo: il cuore.

Sì perché l’amore è la colla che salva, che unisce e che spinge alla mediazione.

Per l’astrologia rituale, che da quest’anno comincerò a proporre, abbiamo due aspetti interessantissimi: Luna congiunta a Kirone in Ariete in decima casa e Lilith congiunta al Nodo Nord in undicesima casa.

Premesse:

l’energia simbolico-stellare ci spinge ad oltrepassare i nostri limiti umani, a ricordarci che siamo Dio in miniatura e che possiamo sperimentare tutto ciò che vogliamo.

l’energia passionale terrestre ci lega al ciclo vitale di vita e di morte, alla condizione umana e fragile, ma anche alla bellezza e al godimento puro e semplice, alla lentezza, al ritmo, ai tamburi.

Abbiamo una Luna Nera che rappresenta la parte ombra, ma anche la ribellione congiunta alla direzione della coscienza nella casa dei gruppi in Gemelli il segno del doppio (del tao); allo stesso tempo abbiamo il Sacro potere femminile che va a portare guarigione alla ferita in Ariete.

In altre parole, l’ombra che ormai non si sa più dove si è infilata (vedi tutto il lavoro che sta facendo Plutone in Capricorno nel portare a galla gli scandali) e che in Gemelli si copre dell’abito che porta il monaco, viene smascherata proprio da Lilith che si ribella nel sentirsi accusata di essere lei l’oscura, sapendo benissimo che non è così, congiungendosi al Nodo ritrova la sua forza ribelle che non permette più la manipolazione.

Allo stesso tempo il Sacro Potere Femminile va a toccare la ferita della violenza che viene rappresentata dall’Ariete.

E’ quindi un grande portale di guarigione che ci condurrà attraverso rapide piuttosto insidiose da qui al Solstizio d’inverno ma che ha il compito di farci uscire dagli schemi manipolatori e aggressivi a tutti i livelli di coscienza e in qualunque espressione umana.

Ecco che probabilmente saremo sollecitati in questi due punti su tutti i fronti.

Però il 22 sera avremo la possibilità di attivare le forze spirituali che ci guidino ad essere protagonisti proattivi di questo momento.

Se volete essere con noi vi rimetto il link alla pagina di prenotazione dello sblocco e attivazione del Maestro.

In ogni caso vi suggerisco di usare il tamburo o a battervi a ritmo sul petto, se non avete un tamburo.

Noi della Scuola Esoterica Symbolc quest’anno saremo in prima linea per fornire gli strumenti per agire energeticamente con percorsi di Sacro Femminile, Salotto Segreto e Astrologia Rituale

Vi invito alla serata di presentazione che trovate a questo link:

Per aggiornamenti, iscrivetevi al mio al mio canale Telegram @alessandrabarbiericommunity