4 novembre 2021: dopo aver vissuto la soglia che ci ha obbligato a rivedere le memorie più dolorose delle nostre radici familiari, del fatto che siamo parte di un albero genealogico e di una società, adesso abbiamo bisogno di tornare a NOI, ma soprattutto a riconoscere che noi come esseri unici e speciali esistiamo, anche se siamo parte di qualcosa di più complesso.

Il periodo esercita spinte energetiche molto forti: lo sto dicendo in molte occasioni e cercherò di contestualizzarlo meglio nel percorso gratuito Astroscienza, al quale ti invito ad iscriverti a questo link:

In alcuni momenti ci spinge a ricollegarci alle radici, altri momenti a tagliare, altri ancora a capire che siamo parte di una società, della quale dobbiamo ricordarci, che identifica l’UNO. Altri momenti ci ricorda che nell’identificazione tutti devono trovare un posto e tutti devono veder riconosciuti i propri diritti. In questo momento ci chiede di tornare in noi e di RICONOSCERE il nostro valore e il ruolo unico e indispensabile che abbiamo in questo momento.

La chiamo centrifuga o tagadà energetico e in effetti così è.

Non vi accenno neanche alla fase di luna nera, perché questa è pericolosa: sono informazioni delicate che darò solo nei livelli più alti a chi mi seguirà nel percorso Astroscienza.

Andiamo invece a comprendere questa intensa luna nuova che inizia a dare forza alla concetto di RICONOSCO ME.

Plutone in Capricorno, Saturno e Giove in Aquario, ma tutti in prima casa. Saturno e Plutone quadrano rispettivamente Sole, Luna Marte e Mercurio Saturno. Solo Giove trigona Mercurio stemperando un po’ la situazione.  Purtroppo il quartetto in nona casa (sole, luna marte e mercurio) si oppone a Urano in Toro richiamando una forte opposizione tra le parti, ovvero tra chi chiede di venire riconosciuto e che vengano riconosciuti i propri diritti e chi dovrebbe riconoscerli.

Gravano ulteriormente la situazioni le retrogradazioni di Urano, Kironee Nettuno che riportano a galla ancora aspetti non risolti karmicamente.

L’Unica è Venere ad accennare ad una timida soluzione, dalla casa più karmica ovvero la dodicesima in quadratura a Nettuno ma in sestile al quartetto in nona. Venere non è una grande politica e non si trova in splendida forma nel punto in cui è, ma timidamente ricorda che è una questione di valore o meglio di valori.

Qualunque sia la discussione in atto, si deve sempre guardare ai valori più alti e a non dimenticare che abbiamo già tante volte sbagliato. E’ come se questo periodo stesse spronando l’Umanità a spostare il focus e a ricordarci che tutto quello che sta accadendo ora ha radici molto più lontane, in scelte passate.

A cosa abbiamo dato valore finora? Cos’è veramente importante? Siamo sicuri che stiamo andando nella direzione giusta? Non è possibile che forse sia arrivato il momento di mettere in discussione molto di più di una singola legge o una singola posizione all’interno della famiglia?

Il riconoscimento è il tema che con il metodo 9talenti tratteremo proprio nel mese di novembre nel webinar gratuito alla quale vi invito a iscrivervi a questo link:

La questione è molto di più del semplice essere visti dai nostri genitori, dal nostro capo, dai nostri colleghi, dal nostro partner. Il riconoscimento è riconoscere quale fondamentale ruolo abbiamo nel grande ingranaggio del quale facciamo parte e saperlo portare avanti a prescindere che gli altri lo abbiano visto e lo abbiano riconosciuto.

Essere radicati nella nostra posizione non significa però essere inflessibili, e nemmeno violenti: significa essere fermi e la fermezza è il valore che cercheremo di raggiungere questo mese.

Imparare a far valere i nostri diritti in ogni situazione ma rimanendo tranquillamente fermi, senza reagire.

Saper stare è molto più forte, ce lo ha insegnato Ghandi, ma credetemi, vale per ogni cosa! Vale per i rapporti con i vicini di casa, con i colleghi, con i figli, con i compagni e compagne.

Banalmente anche non accettare più comportamenti che ci addolorano, anche se sembrano nel diritto. Il diritto è qualcosa di molto subdolo, che va compreso bene. Romperemo tante credenze e lo faremo assieme, con uno sguardo fermo e tranquillo.

Vi invito a seguirci perché desideriamo davvero darvi degli strumenti per affrontare questo complesso momento.

Vi aspetto e vi ricordo di iscrivervi al mio canale Telegram per avere aggiornamenti su tutte le attività

https://t.me/alessandrabarbiericommunity